Letteratura

#pilloleinfernali: ep.7 – QUI NON SI FA CREDITO A NESSUNO

avari e prodighi

Conoscere il passato per aggiustare il presente e vivere il futuro. L’inferno di Dante raccontato a “pillole” ha questo obiettivo: una presa di coscienza di ciò che si è. Ci immergiamo passo dopo passo nella cantica forse più dinamica e accattivante di tutta la Divina Commedia. E lo facciamo a modo nostro. Con ironia, passione e…vignette!  

NEGLI EPISODI PRECEDENTI: Dante e Virgilio entrano all’inferno e incontrano gli ignavi, coloro che in vita non seppero e non vollero prendere alcuna decisione. Questi sono i primi a subire la legge del contrappasso, costretti a inseguire perennemente una sorta di bandiera e ad essere punti da vespe e mosconi; successivamente i due arrivano alla riva del fiume Acheronte, dove una schiera di anime dannate aspetta impazientemente Caronte, il traghettatore ufficiale. Arrivato sull’altra sponda del fiume, il poeta fiorentino si accorge di essere nel limbo, luogo di spiriti magni che sperano eternamente, ma invano, di conoscere Dio: tra queste anime è ubicato anche Virgilio. Dopo qualche chiacchiera con i grandi oratori e poeti del passato, i due proseguono il viaggio scendendo nel secondo cerchio, dove incontrano i primi veri peccatori: i lussuriosi. Quest’ultimi, travolti continuamente da un’incessante bufera, subiscono il contrappasso per analogia. Dante si concentra su due figure in particolare, Paolo e Francesca, due giovani vittime di un amore illegittimo e al centro dei fatti di cronaca del Duecento. Successivamente si arriva nel terzo cerchio custodito dal cane a tre teste Cerbero: qui vi sono i golosi immersi in un fango puzzolente che viene alimentato da grandine e neve sporca. Sono costretti ad ingerire continuamente ciò che scende dal cielo infernale senza mai sentirsi sazi. Dante ha una sorta di colloquio con Ciacco, concittadino dannato, che gli predice l’esilio spiegando i motivi profondi del dissidi tra fiorentini. Si arriva, infine, alle soglie del quarto cerchio custodito dal demone Plutone.

“Pape Satàn, pape Satàn aleppe! Pape Satàn, pape Satàn aleppe!” Sembra uno scioglilingua o una filastrocca che insegnano ai bambini delle elementari. In realtà è ciò che ascoltano Dante e Virgilio quando  scendono nel quarto cerchio dell’inferno: queste parole sono pronunciate da Pluto (o Plutone), demone custode del cerchio in questione e in vita dio delle ricchezze. Secondo voi, che ormai avete una certa esperienza in dinamiche simili, cosa può mai fare un custode infernale ogni qual volta vede arrivare facce non note? Si arrabbia, ovviamente. “Pape Satàn aleppe”, comunque, vuol dire letteralmente “o Satana, o Satana mio signore!”, e si configura quindi come un’invocazione al padrone della struttura. “Taci, lupo maledetto, e che la tua rabbia possa consumarti!”, urla Viriglio mentre invita Dante a proseguire. Superato il primo ostacolo i due percorrono una sorta di discesa che porta nel pieno della disperazione, il luogo dove avari e prodighi, in senso opposto, sono continuamente costretti a spingere col petto macigni pesantissimi. Siccome il percorso è già segnato e prevede nella sua conclusione uno scontro frontale, i rappresentanti di entrambe le fazioni si ritrovano uno di fronte all’altro senza resistere alla tentazione di offendersi. I prodighi urlano: “Tirchi braccini corti maledetti, ma che cosa avete da trattenere?” Gli avari replicano: “Scellerati che non siete altro, voi cosa avete da sperperare?”

Pape Satàn, pape Satàn aleppe!“,
cominciò Pluto con la voce chioccia;
e quel savio gentil, che tutto seppe, 3

disse per confortarmi: “Non ti noccia
la tua paura; ché, poder ch’elli abbia,
non ci torrà lo scender questa roccia”. 6

Poi si rivolse a quella ’nfiata labbia,
e disse: “Taci, maladetto lupo!
consuma dentro te con la tua rabbia. 9

Non è sanza cagion l’andare al cupo:
vuolsi ne l’alto, là dove Michele
fé la vendetta del superbo strupo”. 12

Quali dal vento le gonfiate vele
caggiono avvolte, poi che l’alber fiacca,
tal cadde a terra la fiera crudele. 15

Così scendemmo ne la quarta lacca,
pigliando più de la dolente ripa
che ’l mal de l’universo tutto insacca. 18

Ahi giustizia di Dio! tante chi stipa
nove travaglie e pene quant’io viddi?
e perché nostra colpa sì ne scipa? 21

Come fa l’onda là sovra Cariddi,
che si frange con quella in cui s’intoppa,
così convien che qui la gente riddi. 24

Qui vid’i’ gente più ch’altrove troppa,
e d’una parte e d’altra, con grand’urli,
voltando pesi per forza di poppa. 27

Percotëansi ’ncontro; e poscia pur lì
si rivolgea ciascun, voltando a retro,
gridando: “Perché tieni?” e “Perché burli?”. 30

Sicuramente viene da chiedersi: perché Dante mette insieme avari e prodighi? E cioè mette sullo stesso piano chi trattiene avidamente il denaro e chi lo sperpera senza mezze misure? La risposta viene affidata a Viriglio nei vv.40-42. Interrogato, infatti, dal suo allievo su chi siano quelle anime che si ritrovano davanti, il poeta latino risponde che “furono guerci, e cioè metaforicamente strabici, a tal punto che durante la vita terrena non furono in grado di vedere le cose in modo giusto e di spendere i soldi in maniera misurata”. Ecco il nocciolo della questione: chi sperpera non è così diverso da chi trattiene avidamente. La mezza misura, l’equilibrio, è una virtù fondamentale in ogni ambito. Queste anime dannate sono costrette a spingere macigni che rappresentano il denaro, e cioè un peso e un ostacolo sul cammino che non porterà mai a una soddisfazione definitiva, in quanto chi più ha più vuole avere e chi meno ha meno vuole avere. Nonostante siano irriconoscibili a causa delle colpe che li ha imbruttiti, Dante riesce a scorgere tra loro quelli con la tonsura, cioè quelli con la rasatura a forma di disco in mezzo alla testa, simbolo dell’uomo di chiesa medievale. C’è anche qui un nuovo attacco velato (ma non troppo) alla classe clericale del suo tempo, rea di aver perduto la retta via.   

Così tornavan per lo cerchio tetro
da ogne mano a l’opposito punto,
gridandosi anche loro ontoso metro; 33

poi si volgea ciascun, quand’era giunto,
per lo suo mezzo cerchio a l’altra giostra.
E io, ch’avea lo cor quasi compunto, 36

dissi: “Maestro mio, or mi dimostra
che gente è questa, e se tutti fuor cherci
questi chercuti a la sinistra nostra”. 39

Ed elli a me: “Tutti quanti fuor guerci
sì de la mente in la vita primaia,
che con misura nullo spendio ferci. 42

Assai la voce lor chiaro l’abbaia,
quando vegnono a’ due punti del cerchio
dove colpa contraria li dispaia. 45

Questi fuor cherci, che non han coperchio
piloso al capo, e papi e cardinali,
in cui usa avarizia il suo soperchio”. 48

E io: “Maestro, tra questi cotali
dovre’ io ben riconoscere alcuni
che furo immondi di cotesti mali”. 51

Ed elli a me: “Vano pensiero aduni:
la sconoscente vita che i fé sozzi,
ad ogne conoscenza or li fa bruni. 54

In etterno verranno a li due cozzi:
questi resurgeranno del sepulcro
col pugno chiuso, e questi coi crin mozzi. 57

Mal dare e mal tener lo mondo pulcro
ha tolto loro, e posti a questa zuffa:
qual ella sia, parole non ci appulcro. 60

Or puoi, figliuol, veder la corta buffa
d’i ben che son commessi a la fortuna,
per che l’umana gente si rabuffa; 63

ché tutto l’oro ch’è sotto la luna
e che già fu, di quest’anime stanche
non poterebbe farne posare una”. 66

“Maestro, dimmi un’altra cosa: ma se questi uomini vengono puniti per aver trattenuto e sperperato allo stesso modo, quale dovrebbe essere la cosa giusta? C’è qualche legge divina o qualche strada da seguire per non cadere in simili errori?”, chiede umilmente Dante. E Virgilio, mezzo incazzato: “Certo che c’è, uomo di poca fede! Le sorti alterne di ogni individuo dipendono da un piano già prestabilito da Dio, che alcuni uomini del tuo tempo chiamano Fortuna. Si tratta di una sorta di intelligenza angelica che è preposta al destino di ognuno di noi: il suo disegno è incontrastabile. Per questo motivo, figlio mio, non bisogna avere la presunzione o l’ambizione di controllare ogni cosa attraverso la gestione dei beni materiali. Tutto il sapere di noi uomini non potrà mai competere con la Fortuna divina!”

Il tema della Fortuna era molto discusso nel medioevo. E, a tal proposito, Franco Nembrini scrive: […] la Fortuna è dunque una ministra di Dio e si muove secondo un principio e delle ragioni che agli umani sfuggono. Qual è la sua funzione? Educarci. Dare e togliere continuamente i beni dimostra che essi sono appunto concessi in modo alterno, e quindi non soddisfano. Se vogliamo andare fino in fondo, la Fortuna è uno strumento di Dio per mostrarci che la via non è nostra. Il cambiamento repentino delle cose dimostra che il mondo si sviluppa secondo il disegno di Dio e non secondo il nostro. In conclusione, Dante non elimina l’idea pagana della Fortuna ma nella sua visione cristiana essa non è una dea bendata, come era stata concepita dagli antichi; bensì è una fortuna che ci vede benissimo, che vede meglio di noi.

Maestro mio”, diss’io, “or mi dì anche:
questa fortuna di che tu mi tocche,
che è, che i ben del mondo ha sì tra branche?”. 69

E quelli a me: “Oh creature sciocche,
quanta ignoranza è quella che v’offende!
Or vo’ che tu mia sentenza ne ’mbocche. 72

Colui lo cui saver tutto trascende,
fece li cieli e diè lor chi conduce
sì, ch’ogne parte ad ogne parte splende, 75

distribuendo igualmente la luce.
Similemente a li splendor mondani
ordinò general ministra e duce 78

che permutasse a tempo li ben vani
di gente in gente e d’uno in altro sangue,
oltre la difension d’i senni umani; 81

per ch’una gente impera e l’altra langue,
seguendo lo giudicio di costei,
che è occulto come in erba l’angue. 84

Vostro saver non ha contasto a lei:
questa provede, giudica, e persegue
suo regno come il loro li altri dèi. 87

Le sue permutazion non hanno triegue:
necessità la fa esser veloce;
sì spesso vien chi vicenda consegue. 90

Quest’è colei ch’è tanto posta in croce
pur da color che le dovrien dar lode,
dandole biasmo a torto e mala voce; 93

ma ella s’è beata e ciò non ode:
con l’altre prime creature lieta
volve sua spera e beata si gode. 96

Per la prima volta Dante scende nel cerchio successivo all’interno dello stesso canto. I due, infatti, si avviano verso il cerchio sulla sponda opposta, il quinto, sopra una sorgente che ribolle. Giunti al fondo del “ruscello triste” si ritrovano davanti alla palude detta Stige, nella quale è immersa gente coperta di fango, completamente nuda e con l’aria tormentata. Questi si strappano la carne a morsi a vicenda, uno spettacolo nauseabondo anche per chi non è vegano. Ad ogni turbamento di quel cucciolino di Dante, Virgilio interviene come il cacio sui maccheroni: “Figliolo, questi che vedi sono gli iracondi, quelli che in vita stavano sempre incazzati. E sappi che non sono soli, sott’acqua ce ne sono tantissimi altri; tra di loro echeggiano anche gli accidiosi, mezzi eretici, che si disperano continuamente.” Il canto si conclude con i nostri protagonisti che oscillano tra la parte bagnata e la parte asciutta della palude, mentre continuano a guardare con sgomento quelle anime inghiottite dal fango. Poi, improvvisamente, si ritrovano ai piedi di una torre: parleremo delle sorprese che riserverà lo Sitge nel prossimo episodio.

Or discendiamo omai a maggior pieta;
già ogne stella cade che saliva
quand’io mi mossi, e ’l troppo star si vieta”. 99

Noi ricidemmo il cerchio a l’altra riva
sovr’una fonte che bolle e riversa
per un fossato che da lei deriva. 102

L’acqua era buia assai più che persa;
e noi, in compagnia de l’onde bige,
intrammo giù per una via diversa. 105

In la palude va c’ ha nome Stige
questo tristo ruscel, quand’è disceso
al piè de le maligne piagge grige. 108

E io, che di mirare stava inteso,
vidi genti fangose in quel pantano,
ignude tutte, con sembiante offeso. 111

Queste si percotean non pur con mano,
ma con la testa e col petto e coi piedi,
troncandosi co’ denti a brano a brano. 114

Lo buon maestro disse: “Figlio, or vedi
l’anime di color cui vinse l’ira;
e anche vo’ che tu per certo credi 117

che sotto l’acqua è gente che sospira,
e fanno pullular quest’acqua al summo,
come l’occhio ti dice, u’ che s’aggira. 120

Fitti nel limo dicon: “Tristi fummo
ne l’aere dolce che dal sol s’allegra,
portando dentro accidïoso fummo: 123

or ci attristiam ne la belletta negra”.
Quest’inno si gorgoglian ne la strozza,
ché dir nol posson con parola integra”. 126

Così girammo de la lorda pozza
grand’arco, tra la ripa secca e ’l mézzo,
con li occhi vòlti a chi del fango ingozza. 129

Venimmo al piè d’una torre al da sezzo.

 

Ci vediamo lunedì 29 aprile con l’episodio numero 8: “Argenti vive”.

Si ringrazia Carmen Ammendola per le illustrazioni.