Letteratura

#pilloleinfernali: ep.6 – ATTENTI AL CANE

cerbero

Conoscere il passato per aggiustare il presente e vivere il futuro. L’inferno di Dante raccontato a “pillole” ha questo obiettivo: una presa di coscienza di ciò che si è. Ci immergiamo passo dopo passo nella cantica forse più dinamica e accattivante di tutta la Divina Commedia. E lo facciamo a modo nostro. Con ironia, passione e…vignette!  

NEGLI EPISODI PRECEDENTI: Dante e Virgilio si dirigono verso la “città dolente” trovandosi in un una zona intermedia che precede l’inferno vero e proprio e in cui vi sono gli ignavi, coloro che in vita non seppero e non vollero prendere alcuna decisione. Questi sono i primi a subire la legge del contrappasso, costretti a inseguire perennemente una sorta di bandiera e ad essere punti da vespe e mosconi; successivamente i due arrivano alla riva del fiume Acheronte, dove una schiera di anime dannate aspetta impazientemente Caronte, il traghettatore ufficiale. Subito dopo c’è una forte scossa di terremoto che provoca in Dante una sorta di svenimento. Risvegliatosi sull’altra sponda del fiume, il poeta fiorentino si accorge di essere arrivato nel limbo, luogo di spiriti magni che sperano eternamente, ma invano, di conoscere Dio: tra queste anime è ubicato anche Virgilio. Dopo qualche chiacchiera con i grandi oratori e poeti del passato, i due proseguono il viaggio scendendo nel secondo cerchio, dove incontrano i primi veri peccatori: i lussuriosi. Quest’ultimi, travolti continuamente da un’incessante bufera, subiscono il contrappasso per analogia. Dante si concentra su due figure in particolare,  Paolo e Francesca, due giovani vittime di un amore illegittimo e al centro dei fatti di cronaca del Duecento. Commosso, il poeta ha un secondo svenimento dopo aver ascoltato la loro storia.

Un po’ di acqua e zucchero e Dante si riprende dal secondo collasso. Scende con Viriglio nel terzo cerchio dell’inferno, quello caratterizzato da una pioggia “incessante, fredda, pesante e che non cambia mai di qualità”. In questo luogo vengono punite le anime dei golosi, di quelli che in vita pensarono soltanto “ad accontentare i desideri del proprio ventre”; in altre parole, di quelli che “è bello o’magnà” (“è cosa buona e giusta lasciarsi andare ai piaceri del cibo”, Mario Merola). Anche qui il contrappasso è per analogia: i dannati sono completamente immersi in un fango puzzolente che viene alimentato da grandine e neve sporca. Sono costretti ad ingerire continuamente ciò che scende dal cielo infernale senza mai sentirsi sazi.  Dante avrà sicuramente pensato che Viriglio poteva dargli almeno un ombrellino. Proprio all’inizio del cerchio i due si imbattono nel custode Cerbero, belva mostruosa dalle tre teste: ha gli occhi infuocati (come Caronte) e una peluria scura e molto unta, graffia e fa a pezzi di continuo tutte le anime immerse nel fango ringhiando più forte del Gattuso dei tempi d’oro. Quando la bestia si accorge di Dante, anima viva, non ha un atteggiamento diverso dagli altri custodi incontrati in precedenza: si oppone, vorrebbe maledirlo, ma non essendo dotato di parola riesce soltanto a dire “Ahhrg, abbhju, arghh”. Allora Virgilio, il nostro “Mr.Wolf”, impugna un po’ di quel fango puzzolente gettandolo in una delle tre avide bocche di Cerbero, che immediatamente distoglie l’attenzione e lascia passare i due poeti. Immaginate Virgilio che con aria soddisfatta guarda Dante e dice: “facile.it”. Proprio in questo istante, tuttavia, una delle anime esce per un attimo dal fango urlando a squarciagola.

Al tornar de la mente, che si chiuse
dinanzi a la pietà d’i due cognati,
che di trestizia tutto mi confuse,
3

novi tormenti e novi tormentati
mi veggio intorno, come ch’io mi mova
e ch’io mi volga, e come che io guati.
6

Io sono al terzo cerchio, de la piova
etterna, maladetta, fredda e greve;
regola e qualità mai non l’è nova.
9

Grandine grossa, acqua tinta e neve
per l’aere tenebroso si riversa;
pute la terra che questo riceve.
12

Cerbero, fiera crudele e diversa,
con tre gole caninamente latra
sovra la gente che quivi è sommersa.
15

Li occhi ha vermigli, la barba unta e atra,
e ’l ventre largo, e unghiate le mani;
graffia li spirti ed iscoia ed isquatra.
18

Urlar li fa la pioggia come cani;
de l’un de’ lati fanno a l’altro schermo;
volgonsi spesso i miseri profani.
21

Quando ci scorse Cerbero, il gran vermo,
le bocche aperse e mostrocci le sanne;
non avea membro che tenesse fermo.
24

E ’l duca mio distese le sue spanne,
prese la terra, e con piene le pugna
la gittò dentro a le bramose canne.
27

Qual è quel cane ch’abbaiando agogna,
e si racqueta poi che ’l pasto morde,
ché solo a divorarlo intende e pugna,
30

cotai si fecer quelle facce lorde
de lo demonio Cerbero, che ’ntrona
l’anime sì, ch’esser vorrebber sorde.
33

Noi passavam su per l’ombre che adona
la greve pioggia, e ponavam le piante
sovra lor vanità che par persona.
36

Elle giacean per terra tutte quante,
fuor d’una ch’a seder si levò, ratto
ch’ella ci vide passarsi davante.
39

“Hey tu, tu che ti lasci guidare in questo inferno” – urla il dannato – “dimmi se mi riconosci: tu sei nato pima che io morissi!” Dante è un attimo confuso, anche perché l’anima che deve riconoscere è completamente sporca di fango. Così, rassegnato e mortificato allo stesso tempo, risponde: “Non mi pare di averti visto qualche volta, però devo ammettere che così come sei ridotto mi fai veramente tenerezza. Quindi se vuoi dirmi qualcosa, ti ascolto volentieri”. E allora l’anima dolente: “Io fui tuo concittadino fiorentino e fui noto col nome di Ciacco, proprio a causa del mio vizio di gola che, come vedi, mi ha portato a patire queste pene tremende”. Ancora oggi non si sa a chi corrisponde esattamente la figura di Ciacco, diminutivo dei nomi Jacopo e/o Giacomo; sappiamo invece che nella Firenze del Trecento era sinonimo di “porco, avido di cibo” ed è per questo motivo che lo ritroviamo tra i golosi. E’ interessante ricordare che questo stesso Ciaccio viene ripreso da Giovanni Boccaccio in una delle novelle del suo Decameron.

“O tu che se’ per questo ’nferno tratto”,
mi disse, “riconoscimi, se sai:
tu fosti, prima ch’io disfatto, fatto”.
42

E io a lui: “L’angoscia che tu hai
forse ti tira fuor de la mia mente,
sì che non par ch’i’ ti vedessi mai.
45

Ma dimmi chi tu se’ che ’n sì dolente
loco se’ messo, e hai sì fatta pena,
che, s’altra è maggio, nulla è sì spiacente”.
48

Ed elli a me: “La tua città, ch’è piena
d’invidia sì che già trabocca il sacco,
seco mi tenne in la vita serena.
51

Voi Cittadini mi chiamaste Ciacco
per la dannosa colpa de la gola,
come tu vedi, a la pioggia mi fiacco.
54

E io anima trista non son sola,
ché tutte queste a simil pena stanno
per simil colpa”. E più non fé parola.
57

“Ciacco, il tuo tormento mi addolora così tanto” – risponde Dante – “…che quasi mi scendono le lacrime. Ma visto che sei…ehm, che fosti un mio concittadino, puoi dirmi qualcosa riguardo alle sorti di Firenze, divisa tra le due fazioni? E per quale motivo c’è così tanta discordia tra gente di stesso sangue?” Qui è importante sottolineare ciò che abbiamo già detto in precedenza: Dante scrive la Commedia non solo per dimostrare la sua capacità di poeta e di salvatore dell’animo umano, ma anche per raccontare fatti e vicende politiche del suo tempo.  Quando la inizia a scrivere, nel 1314, è in esilio e tutte le cose che racconta e racconterà sono già accadute, visto e considerato che il viaggio nell’aldilà è datato aprile 1300. Usa quindi un espediente narrativo: affida ai personaggi che incontra il compito di formulare profezie, che per il Dante viaggiatore sono tali mentre per il Dante narratore sono ricordi. Così avviene per la prima volta con Ciacco, che alla domanda del poeta sul perché della lotta tra due fazioni opposte (Guelfi bianchi e Guelfi neri) risponde: “Ci saranno delle lunghe lotte sanguinose ma alla fine i Neri, con l’aiuto di papa Bonifacio VIII che ora si finge benevolo, scacceranno via dalla città i Bianchi, ai quali appartieni anche tu; i Neri continueranno a comportarsi in modo superbo facendo subire ai pochi giusti soprusi pesantissimi. Tutto ciò perché Firenze è dominata dalla superbia, dall’avarizia e dall’invidia.” Dante resta muto per qualche secondo, poi continua a chiedere a Ciacco di personaggi politici che ha conosciuto, e di dove siano adesso. E il dannato prosegue: “Quelli che tu nomini e che hai creduto giusti, stanno molto più inguaiati del sottoscritto; ma te ne accorgerai tra un po’, quando li incontrerai nei gironi sottostanti. Ti prego di ricordare alla gente il mio nome, ora devo andare.” Ciacco ricade nella melma da cui è risorto. A questo punto interviene Virgilio, che di questi discorsi è stato sin ora mero spettatore: “Ciacco non riapparirà più se non nel giorno del giudizio universale, vale a dire quando gli angeli suoneranno le trombe e i corpi si ricongiungeranno alle rispettive anime. E, mi dispiace per lui, soffrirà ancor più di quanto soffre già ora.” Viene così introdotto un altro tema, quello del giudizio definitivo delle anime. Questo è il primo episodio “politico”, in cui Dante mette sul piatto le vicende terrene che governano il mondo umano e che finiscono, inevitabilmente, col creare disordini e soprusi. I due proseguono il cammino verso il quarto cerchio e si ritrovano davanti Pluto, “il grande nemico”. Ma questa è un’altra pillola…la prossima! 

Io li rispuosi: “Ciacco, il tuo affanno
mi pesa sì, ch’a lagrimar mi ’nvita;
ma dimmi, se tu sai, a che verranno 60

li cittadin de la città partita;
s’alcun v’è giusto; e dimmi la cagione
per che l’ ha tanta discordia assalita”. 63

E quelli a me: “Dopo lunga tencione
verranno al sangue, e la parte selvaggia
caccerà l’altra con molta offensione. 66

Poi appresso convien che questa caggia
infra tre soli, e che l’altra sormonti
con la forza di tal che testé piaggia. 69

Alte terrà lungo tempo le fronti,
tenendo l’altra sotto gravi pesi,
come che di ciò pianga o che n’aonti. 72

Giusti son due, e non vi sono intesi;
superbia, invidia e avarizia sono
le tre faville c’ hanno i cuori accesi”. 75

Qui puose fine al lagrimabil suono.
E io a lui: “Ancor vo’ che mi ’nsegni
e che di più parlar mi facci dono. 78

Farinata e ’l Tegghiaio, che fuor sì degni,
Iacopo Rusticucci, Arrigo e ’l Mosca
e li altri ch’a ben far puoser li ’ngegni, 81

dimmi ove sono e fa ch’io li conosca;
ché gran disio mi stringe di savere
se ’l ciel li addolcia o lo ’nferno li attosca”. 84

E quelli: “Ei son tra l’anime più nere;
diverse colpe giù li grava al fondo:
se tanto scendi, là i potrai vedere. 87

Ma quando tu sarai nel dolce mondo,
priegoti ch’a la mente altrui mi rechi:
più non ti dico e più non ti rispondo”. 90

Li diritti occhi torse allora in biechi;
guardommi un poco e poi chinò la testa:
cadde con essa a par de li altri ciechi. 93

E ’l duca disse a me: “Più non si desta
di qua dal suon de l’angelica tromba,
quando verrà la nimica podesta: 96

ciascun rivederà la trista tomba,
ripiglierà sua carne e sua figura,
udirà quel ch’in etterno rimbomba”. 99

Sì trapassammo per sozza mistura
de l’ombre e de la pioggia, a passi lenti,
toccando un poco la vita futura; 102

per ch’io dissi: “Maestro, esti tormenti
crescerann’ei dopo la gran sentenza,
o fier minori, o saran sì cocenti?”. 105

Ed elli a me: “Ritorna a tua scïenza,
che vuol, quanto la cosa è più perfetta,
più senta il bene, e così la doglienza. 108

Tutto che questa gente maladetta
in vera perfezion già mai non vada,
di là più che di qua essere aspetta”. 111

Noi aggirammo a tondo quella strada,
parlando più assai ch’i’ non ridico;
venimmo al punto dove si digrada: 114

quivi trovammo Pluto, il gran nemico.

 

Ci vediamo mercoledì 24 aprile con l’episodio numero 7: “Qui non si fa credito a nessuno”.

Si ringrazia Carmen Ammendola per le illustrazioni.