Letteratura straniera

Iro Iro. Il Giappone tra pop e sublime di Giorgio Amitrano, al Monastero dei Benedettini di Catania

IMG_20190325_121220

Nei locali dell’Auditorium “Giancarlo De Carlo” del Monastero dei Benedettini di Catania, si è tenuto un incontro con il prof. Giorgio Amitrano,  docente di “Lingua e Letteratura Giapponese” presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale, alla presenza e con l’intervento del prof. Paolo Villani e il prof. Paolo La Marca, entrambi docenti del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania.

Il prof. Amitrano, celebre traduttore di autori come Murakami Haruki, Yoshimoto Banana, Kawabata Yasunari e Miyazawa Kenji, ha presentato il suo ultimo libro “IRO IRO – Il Giappone tra pop e sublime”. 

Orientalista, esperto di lingua e letteratura giapponese, ha vinto nel 2008 il Premio Grinzane Cavour per la traduzione. Premiato anche con il XII Premio Noma Bungei. E per quattro anni è stato direttore dell’Istituto di Cultura italiana a Tokyo.

Se siete degli appassionati del Giappone, non potete fare a meno di leggere questa sua meravigliosa guida della cultura nipponica. Iro in giapponese significa colore. Invece Iro iro, raddoppiato, è una miscellanea variopinta. Il libro è articolato in capitoli che raggruppano i tratti distintivi della cultura giapponese come la scrittura, la cerimonia, la felicità, la realtà, le stagioni, il karaoke e la bellezza.  Amitrano scrive dei quattro anni passati a studiare calligrafia, soffermando sopratutto sui classici e su fenomeni letterari di successo come Murakami e Yoshimoto. 

Alla scoperta del pop di grande intrattenimento, per raccontare la storia di un popolo che affascina sempre di più i lettori: “kaizen” l’arte di migliorare, “akogaré” passione e “iki” seduzione.  I riferimenti spaziano dagli scrittori più sofisticati ai manga, agli  artisti Araki, Tadao Ando, la bravissima cantante enka Misora Hibari e tanti altri ancora.  Insomma, un meraviglioso caleidoscopio di profondità, bellezza e fascino, che hanno dato tanto alla letteratura del Sol Levante.