Letteratura

#pilloleinfernali: Ep.1 – LA SELVA E LE BESTIE

untitled

Conoscere il passato per aggiustare il presente e vivere il futuro. L’inferno di Dante raccontato a “pillole” ha questo obiettivo: una presa di coscienza di ciò che si è. Ci immergiamo passo dopo passo nella cantica forse più dinamica e accattivante di tutta la Divina Commedia. E lo facciamo a modo nostro. Con ironia, passione e…vignette!  

Eccoci qua amici lettori: oggi inauguriamo le #pilloleinfernali, una rubrica che mira a spiegare canto dopo canto tutto l’Inferno dantesco e i suoi personaggi con un tono leggero e accessibile a chiunque voglia conoscere le nozioni minime di quella che è la più grande opera della letteratura italiana.  Per farlo, però, occorre una piccolissima introduzione all’introduzione stessa, dato che il primo canto (che chiameremo “episodio”, giusto per stare al passo con i tempi) si configura come un proemio di un viaggio che inizierà di fatto dal canto successivo.

A chi non è mai capitato un momento buio nella vita? Tutti noi abbiamo fatto i conti con una realtà che non ci piace o non ci piaceva. Questo è successo anche a Dante, altroché. Quando nel 1314, infatti, egli si appresta a comporre la sua prima cantica sta attraversando un periodo di profonda crisi: la donna che ama alla follia, Beatrice, è morta da più di vent’anni ma il dolore è ancora vivo; la sua casa di Firenze costituisce ormai soltanto un dolce ricordo, dato che non ci ha più messo piede dal 1302 in quanto condannato a morte; la società del suo tempo è irrimediabilmente corrotta e anarchica, imperatori e papi alterano sempre di più i rispettivi ruoli istituzionali creando conflitti non privi di sangue e terrore. Insomma, come direbbero a Roma, una vera “caciara”. Per tutti questi motivi il Sommo Poeta (che a quel tempo era solo poeta, e in pochi se lo filavano veramente) decide, attraverso la poesia e l’allegoria, di compiere un viaggio immaginario nel mondo ultraterreno. Si badi bene però: lo scopo di Dante non è quello di capire il mistero della morte, semmai quello della vita. Perché siamo sulla terra, desideriamo, ci innamoriamo al punto da sentirci così vicini a qualcosa di infinito e poi…finiamo? Il senso dello stare al mondo, qual è? Egli si interroga per anni, continuamente e in modo compulsivo, cercando una risposta convincente per se stesso e per gli altri.  Proprio questo senso di altruismo lo porta a credere, una volta riconosciuta la retta via, di essere stato investito da Dio della missione di indicare a tutta l’umanità il percorso della salvezza. Per farlo bisogna per forza passare nei tre regni dell’aldilà: inferno, purgatorio e paradiso. Tutto quello che verrà appreso durante il cammino dovrà essere riportato agli uomini mediante la scrittura, affinché quest’ultimi imbocchino la via della rigenerazione e della redenzione. Una redenzione che non vuol dire soltanto “ok, Dante mi ha confermato che se mi comporto male vado all’inferno e se mi comporto da buon cristiano vado in paradiso, quindi so che dopo la vita c’è qualcosa” ma soprattutto “caspita, attraverso gli errori o gli esempi degli altri posso capire finalmente come trascorrere al meglio il tempo che passo su questa terra”.  Fatta questa superficiale ma fondamentale premessa, andiamo a vedere cosa succede nel primo canto – episodio.

Siamo nella notte tra il 7 e l’8 aprile del 1300, anno del primo giubileo (momento di conversione, remissione dei peccati). Dante, che ha più o meno trentacinque anni, si ritrova all’improvviso in una sorta di bosco oscuro silenzioso e tenebroso, che soltanto a guardarlo gli viene una paura che nemmeno la protagonista del video Thriller di Michael Jackson potrebbe capire. Barcolla, è confuso, non ricorda come ha fatto a finire in quel luogo. Se ne rammarica, cerca una via d’uscita. Crede di averla trovata quando scorge un piccolo colle illuminato dai raggi solari: la sensazione d’angoscia che l’ha paralizzato sembra scomparire piano piano. Scrive una metafora bellissima con cui dimostra, fin da subito, tutte le sue capacità di poeta. Ci dice infatti “così mi sono sentito quando ho visto quel colle della speranza, allo stesso modo di un naufrago giunto alla riva e sopravvissuto al mare in tempesta”.

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita. 3

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura! 6

Tant’è amara che poco è più morte;
ma per trattar del ben ch’i’ vi trovai,
dirò de l’altre cose ch’i’ v’ ho scorte. 9

Io non so ben ridir com’i’ v’intrai,
tant’era pien di sonno a quel punto
che la verace via abbandonai. 12

Ma poi ch’i’ fui al piè d’un colle giunto,
là dove terminava quella valle
che m’avea di paura il cor compunto, 15

guardai in alto e vidi le sue spalle
vestite già de’ raggi del pianeta
che mena dritto altrui per ogne calle. 18

Allor fu la paura un poco queta,
che nel lago del cor m’era durata
la notte ch’i’ passai con tanta pieta. 21

E come quei che con lena affannata,
uscito fuor del pelago a la riva,
si volge a l’acqua perigliosa e guata, 24

così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,
si volse a retro a rimirar lo passo
che non lasciò già mai persona viva. 27

Poi ch’èi posato un poco il corpo lasso,
ripresi via per la piaggia diserta,
sì che ’l piè fermo sempre era ’l più basso. 30

Tutto bene dunque, il pericolo sembra scampato. Macché, gli piacerebbe. Proprio quando sta per salire sul colle illuminato si ritrova davanti una sorta di ghepardo che ostacola il proseguo: Dante ha un sussulto e ripiega all’indietro. Tuttavia si sente ancora ottimista perché vede nel cielo la costellazione dell’Ariete, collegata alla stagione primaverile e quindi al concetto di rinascita. Quest’ottimismo viene letteralmente spazzato via quando, di fianco al ghepardo, compare anche un leone: ha la testa alta e una fame rabbiosa, a tal punto che l’atmosfera intorno sembra tremare al pari di un terremoto. E non è finita qui. Subito dietro si palesa una lupa magra che col suo sguardo terrificante fa perdere a Dante l’ultima briciola di speranza rimasta: sta per ricadere nel buio del bosco tenebroso. Avete presente la scena di Tre uomini e una gamba quando Aldo, uno dei tre protagonisti del film, resta bloccato su una piccola roccia da scalare? Ecco, parafrasandolo, possiamo dire che Dante pensa la stessa cosa: “Adesso non posso né scendere né salire, né scendere né salire!”

Mentre, piangente, precipita in basso scorge da lontano una sagoma che ancora non sa se uomo o fantasma. In ogni caso, come il più disperato dei disperati, gli urla contro: Miserere di me!, cioè “abbi pietà di me, chiunque tu sia: salvami!”

Ed ecco, quasi al cominciar de l’erta,
una lonza leggera e presta molto,
che di pel macolato era coverta; 33

e non mi si partia dinanzi al volto,
anzi ’mpediva tanto il mio cammino,
ch’i’ fui per ritornar più volte vòlto. 36

Temp’era dal principio del mattino,
e ’l sol montava ’n sù con quelle stelle
ch’eran con lui quando l’amor divino 39

mosse di prima quelle cose belle;
sì ch’a bene sperar m’era cagione
di quella fiera a la gaetta pelle 42

l’ora del tempo e la dolce stagione;
ma non sì che paura non mi desse
la vista che m’apparve d’un leone. 45

Questi parea che contra me venisse
con la test’alta e con rabbiosa fame,
sì che parea che l’aere ne tremesse. 48

Ed una lupa, che di tutte brame
sembiava carca ne la sua magrezza,
e molte genti fé già viver grame, 51

questa mi porse tanto di gravezza
con la paura ch’uscia di sua vista,
ch’io perdei la speranza de l’altezza. 54

E qual è quei che volontieri acquista,
e giugne ’l tempo che perder lo face,
che ’n tutti suoi pensier piange e s’attrista; 57

tal mi fece la bestia sanza pace,
che, venendomi ’ncontro, a poco a poco
mi ripigneva là dove ’l sol tace. 60

Mentre ch’i’ rovinava in basso loco,
dinanzi a li occhi mi si fu offerto
chi per lungo silenzio parea fioco. 63

Quando vidi costui nel gran diserto,
“Miserere di me”, gridai a lui,
“qual che tu sii, od ombra od omo certo!”. 66

Dante dunque chiede aiuto a quella sagoma. E quella sagoma, che corrisponde al poeta latino Virgilio, rivela subito la sua identità: “Ahimè non sono più un uomo adesso, ma lo sono stato. I miei genitori furono lombardi e io nacqui e vissi sotto la Roma dell’imperatore Augusto, quando ancora credevamo che gli dei fossero tanti e uguali a noi uomini. Penso che mi conosci però perché, come te, sono stato poeta: ho raccontato di Enea, ti ricordi? L’ultimo troiano sopravvissuto alla città bruciata dai greci. Ma tu perché stai così impalato? Che aspetti a salire quel bel colle illuminato che è simbolo di gioia e di salvezza?” Probabilmente Dante, se si fosse trattato di un altro, gli avrebbe detto “razza di idiota che non sei altro, non vedi che ci sono queste tre bestie che vogliono azzannarmi? Come faccio a salire?!?”, ma siccome si ritrova davanti il suo più grande idolo (aveva letto avidamente l’Eneide in cui, non a caso, si racconta della discesa di un uomo negli inferi) ha soltanto parole di ammirazione per lui, scordandosi per qualche istante della cattiva situazione in cui si è cacciato: “O grande poeta, o mio maestro” – gli dice – “tu sei stato la mia guida, quello da cui ho imparato a poetare!” Poi ritorna, stoico, alla realtà circostante: “ti prego, dammi una mano contro queste bestie, indicami la via; ho talmente paura che sento tremare le vene e i polsi.” Virgilio, che tutto sa e tutto vede, ha fatto di proposito quella domanda pur conoscendo la risposta perché, come di racconta Franco Nembrini, “un vero maestro è colui che pur conoscendo la risposta non risparmia la domanda al suo allievo”.

“Caro Dante, stai tranquillo e smettila di piangere, adesso troviamo una soluzione. Innanzitutto se vuoi salvarti da questo posto devi fare una strada alternativa perché queste bestie, simboli dei peccati umani, non risparmiano nessuno. Forse, anzi sicuramente, un giorno arriverà un messia o qualcuno che ci libererà da loro e allora potremo percorrere quel colle senza alcun timore. Per adesso, ti conviene seguirmi: io ti farò da guida e ti porterò prima all’inferno, dove vedrai gli spiriti disperati e addolorati, e poi in purgatorio, dove ci sono quelli contenti di espiare le proprie colpe in quanto desiderosi di arrivare tra le anime beate; per quanto riguarda il paradiso…ehm, non ho il pass! Non ti posso accompagnare. Ma stai tranquillo, ci sarà un’altra guida più degna, e ti lascerò con lei quando sarà il momento. Il padrone del paradiso è un po’ risentito con me e non vuole che entri a casa sua…è sempre per quella questione di cui ti ho parlato prima, ti ricordi? Che nacqui al tempo in cui credevamo gli dei innumerevoli e umani. Ancora oggi mi mordo le mani, mannaggia a me! Chissà come deve essere bello stare lassù!

A questo punto l’episodio va verso la conclusione. Dante, ammirato e rincuorato, chiude con un’ultima battuta: “Mio maestro, ti chiedo in nome di quel Dio che non hai conosciuto di condurmi allora in quei posti che mi hai descritto, affinché io possa salvarmi dal male che circonda tutta la terra.” Virgilio annuisce e si incammina in un’altra direzione. Dante, umilmente, lo segue. E ci regala già un prezioso monito: nessuno si salva da solo.

Rispuosemi: “Non omo, omo già fui,
e li parenti miei furon lombardi,
mantoani per patrïa ambedui. 69

Nacqui sub Iulio, ancor che fosse tardi,
e vissi a Roma sotto ’l buono Augusto
nel tempo de li dèi falsi e bugiardi. 72

Poeta fui, e cantai di quel giusto
figliuol d’Anchise che venne di Troia,
poi che ’l superbo Ilïón fu combusto. 75

Ma tu perché ritorni a tanta noia?
perché non sali il dilettoso monte
ch’è principio e cagion di tutta gioia?”. 78

“Or se’ tu quel Virgilio e quella fonte
che spandi di parlar sì largo fiume?”,
rispuos’io lui con vergognosa fronte. 81

“O de li altri poeti onore e lume,
vagliami ’l lungo studio e ’l grande amore
che m’ ha fatto cercar lo tuo volume. 84

Tu se’ lo mio maestro e ’l mio autore,
tu se’ solo colui da cu’ io tolsi
lo bello stilo che m’ ha fatto onore. 87

Vedi la bestia per cu’ io mi volsi;
aiutami da lei, famoso saggio,
ch’ella mi fa tremar le vene e i polsi”. 90

“A te convien tenere altro vïaggio”,
rispuose, poi che lagrimar mi vide,
“se vuo’ campar d’esto loco selvaggio; 93

ché questa bestia, per la qual tu gride,
non lascia altrui passar per la sua via,
ma tanto lo ’mpedisce che l’uccide; 96

e ha natura sì malvagia e ria,
che mai non empie la bramosa voglia,
e dopo ’l pasto ha più fame che pria. 99

Molti son li animali a cui s’ammoglia,
e più saranno ancora, infin che ’l veltro
verrà, che la farà morir con doglia. 102

Questi non ciberà terra né peltro,
ma sapïenza, amore e virtute,
e sua nazion sarà tra feltro e feltro. 105

Di quella umile Italia fia salute
per cui morì la vergine Cammilla,
Eurialo e Turno e Niso di ferute. 108

Questi la caccerà per ogne villa,
fin che l’avrà rimessa ne lo ’nferno,
là onde ’nvidia prima dipartilla. 111

Ond’io per lo tuo me’ penso e discerno
che tu mi segui, e io sarò tua guida,
e trarrotti di qui per loco etterno; 114

ove udirai le disperate strida,
vedrai li antichi spiriti dolenti,
ch’a la seconda morte ciascun grida; 117

e vederai color che son contenti
nel foco, perché speran di venire
quando che sia a le beate genti. 120

A le quai poi se tu vorrai salire,
anima fia a ciò più di me degna:
con lei ti lascerò nel mio partire; 123

ché quello imperador che là sù regna,
perch’i’ fu’ ribellante a la sua legge,
non vuol che ’n sua città per me si vegna. 126

In tutte parti impera e quivi regge;
quivi è la sua città e l’alto seggio:
oh felice colui cu’ ivi elegge!”. 129

E io a lui: “Poeta, io ti richeggio
per quello Dio che tu non conoscesti,
acciò ch’io fugga questo male e peggio, 132

che tu mi meni là dov’or dicesti,
sì ch’io veggia la porta di san Pietro
e color cui tu fai cotanto mesti”. 135

Allor si mosse, e io li tenni dietro.

 

Ci vediamo lunedì 11 marzo con l’episodio numero 2: “Dammi solo un minuto”.

Si ringrazia Carmen Ammendola per le illustrazioni.